I servizi per minorenni sono un sistema articolato pensato e proposto per garantire ai giovani ospiti il percorso più adeguato ai loro bisogni che li porti a costruire, rispettando i tempi di persone in età evolutiva, un processo di autonomia radicato sul territorio.

Il plusvalore che il nostro Centro può offrire è rappresentato dal fatto di essere, al suo interno e nei rapporti col territorio, un sistema.

Avendo trattato e trattando, nella nostra storia pluriennale, numerose aree dello svantaggio e potendo vantare buone risposte nel rapporto con volontari e professionisti, abbiamo costruito significativi progetti, frequentemente tradotti in servizi utili per soddisfare i diversificati bisogni delle persone da noi incontrate.

L’area minorenni può oggi usufruire, semplicemente modulando tempi e modi di approccio e stili di erogazione, di tutti i servizi trasversali del Centro di Solidarietà:

  • ambulatori medici
  • ambulatori per le famiglie
  • scuola per migranti Abicì
  • attività di alfabetizzazione per minorenni stranieri non accompagnati
  • sostegno scolastico e orientamento al lavoro
  • promozione di tirocini anche finanziati dal Centro
  • supporto dell’associazione di volontariato “Servire l’uomo”
  • supporto, tramite un facilitatore, all’inserimento nei gruppi territoriali
LA PRONTA ACCOGLIENZA

SAN FRANCESCO

Il Centro dispone di 6 posti di pronta accoglienza: 4 posti nella Comunità di Pronta Accoglienza San Francesco sita in centro città e 2 posti all’interno della Comunità educativa Sant’Isidoro in località Rivalta.

Questa articolazione permette al responsabile della pronta accoglienza, in accordo con la direzione dei programmi del Centro, di concordare con i Servizi Invianti l’inserimento nel gruppo e luogo appropriato.

La pronta accoglienza ospita prevalentemente minorenni, italiani o stranieri, in condizioni di emergenza che devono essere allontanati dal nucleo famigliare di origine e collocati in un contesto protetto oppure minorenni stranieri non accompagnati.

LE COMUNITA’ EDUCATIVE

SANT’ISIDORO

La comunità Educativa accoglie temporaneamente il minorenne qualora il nucleo famigliare sia impossibilitato o incapace di assolvere il proprio compito.

Offre ai minorenni un contesto educativo di sostegno nella gestione giornaliera dei vari aspetti della vita ed è vissuta come luogo di socializzazione con tempi e modalità simili allo stile familiare.

L’obiettivo primario è il Benessere fisico, psichico e sociale del minorenne ponendo al centro dell’intervento educativo la relazione come stimolo alla scoperta e allo sviluppo delle potenzialità individuali verso un percorso di autonomia.

La Comunità accoglie fino a 8 minorenni di entrambi i sessi e di età compresa fra i 6 e i 17 anni e due minorenni di entrambi i sessi in pronta accoglienza.

SANTA MARIA MADDALENA

La Comunità educativa-integrata residenziale, ben consapevole delle necessità legate al trattamento di ragazzi con situazioni psicologiche di disagio, si rifà ai principi educativi basilari che già abbiamo declinato con la comunità socio-educativa e improntati a ricalcare, per quanto possibile e con tutte le specificità del caso, le dinamiche di una famiglia, sia pure allargata.

La comunità educativa integrata svolge principalmente una “funzione riparativa, di sostegno e di recupero delle competenze e capacità relazioni di minorenni in situazioni di forte disagio” e si impegna ad impiegare conseguentemente gli strumenti educativi e terapeutici necessari, ricorrendo al sostegno di professionalità opportunamente formate.

Prende atto della diagnosi che accompagna il minorenne e si impegna a tutelare il processo terapeutico, integrandolo col minor impatto possibile nella via quotidiana del singolo e del gruppo.

Nella comunità si svolgono laboratori di teatro, arte-terapia e sensibilità corporea.

Tutte le comunità, come delibera, usufruiscono della reperibilità aggiuntiva di un operatore (serale e notturno) in caso di necessità specifica.

GLI APPARTAMENTI

Appartamento neo maggiorenni a diversa intensità di protezione.

La soglia dei 18 anni per i giovani che sono inseriti in percorsi di tutela “fuori famiglia”, se da una parte apre a nuove opportunità (maggiore libertà, possibilità di decidere da soli rispetto alla propria vita) dall’altra pone il problema dell’uscita dalle strutture residenziali, dell’autonomia, dell’indipendenza, del prendersi cura di se stessi da soli.

Ci si ritrova ad essere “adulti” rapidamente, senza poter contare su relazioni familiari solide che possano fungere da supporto.

I nostri appartamenti sono rivolti a giovani donne neomaggiorenni che non possono restare e/o rientrare in famiglia e hanno ancora bisogno di essere sostenute nel percorso verso l’autonomia.

Si presentano come struttura residenziale, aperta 24 ore al giorno tutto l’anno, in cui le ospiti vivranno e potranno sperimentarsi autonomamente in percorsi di crescita individuale e professionale e avranno la possibilità di attraversare un periodo di transizione graduale dalla tutela alla vita indipendente, sulla base di opportune e prestabilite regole condivise in un ambiente comunque protetto.

Appartamento per minorenni stranieri non accompagnati

Dal dicembre 2016 il Centro gestisce un appartamento per l’accoglienza di minorenni stranieri non accompagnati.

L’appartamento ha un’autorizzazione al funzionamento per sei posti